Pubblicazioni

  • La regolazione psicosomatica delle emozioni 2014
    Franco Baldoni

    Abstract:
    Mentalization refers to the capacity to perceive and understand oneself and others in terms of mental states (feelings, beliefs, intentions and desires). This psychological process is crucial for the organization of the Self and for the representation and regulation of the emotions, including related physiological states.


    Baldoni, F. (2014) La regolazione psicosomatica delle emozioni. Mentalizzazione e utilizzo di regolatori esterni. Pneireview, 2, pp. 4-22.

    Documento

  • Attachment, danger and role of the father in family life span 2010
    Franco Baldoni

    Abstract:
    Human beings show an innate predisposition to develop attachment relations with primary parental figures that perform a protection function against danger. In couple and family life, this necessity is particularly evident in the perinatal period, during the adolescence and the emancipation of the offspring and in every stressful and potentially dangerous period. In these situations the family attachment system will be activated and a fundamental aspect of parenting will be to offer a secure base to the offspring, i.e. an atmosphere of safety and trust in the relationship with the attachment figure. Another parental function very important for protection from traumatic experiences is to foster mentalization. This function, a consequence of the quality of attachment, is fundamental for the development and the organization of the Self and enables regulation and control of affects and their somatic correlates, mainly in stressful circumstances. Empirical research has evidenced how in the perinatal period the mother’s and father’s emotional states are significantly linked. Moreover, in this period, fathers themselves may also suffer from affective disorders similar to post-partum depression. An important male function, in the perinatal period, seems to be provision of a secure base for his companion, helping her to overcome the difficulties, keeping suffering at endurance levels and fostering the conditions by which the special relation between the mother and the baby can develop in an adequate way. In fact, preoccupied, too anxious or depressed fathers, or those with behavioural problems (pathological aggressiveness, alcoholism, addiction disorders), can be a handicap for the emotional equilibrium of their companion and for the good development of the relationship between mother and child. Some research data confirming this hypothesis are described. Keywords: Attachment, secure base, danger, post partum depression, couple, parenthood, father, mother


    Transilvanian Journal of Psychology (Erdélyi Pszichológiai Szemle, EPSZ), 4, 2010, pp. 375-402.

    Documento

  • La depressione perinatale paterna. Una rassegna della ricerca clinica ed empirica 2010
    Franco Baldoni, Luisa Ceccarelli

    Abstract:
    Premesse teoriche Sono state svolte molte ricerche cliniche ed empiriche sulla Depressione Perinatale Materna, ma la Depressione Perinatale Paterna (DPP) è stata studiata in modo sistematico solo di recente. Obiettivo Lo scopo di questa rassegna è analizzare le attuali conoscenze sulla DPP, focalizzando l’attenzione sulla prevalenza, i sintomi, i fattori di rischio, la comorbilità e la sua influenza sulla salute della madre e del bambino. Metodologia E’ stata considerata la letteratura pubblicata su questo argomento fino al 31 Maggio 2010, consultando le banche dati di Medline, PsychINFO e ProQuest Psychology Journals e altre fonti italiane e straniere. Discussione critica e conclusioni Nel periodo perinatale gli stati emotivi di madri e padri sono correlati e si influenzano reciprocamente. La frequenza della DPP è relativamente elevata (10,4%), anche se minore di quella materna, ma la sua diagnosi risulta difficoltosa, in quanto spesso si presenta con una sintomatologia affettiva lieve o atipica associata ad altri disturbi psicologici o del comportamento. La DPP sembra avere influenze negative sul benessere emotivo della madre, sulla qualità dell’attaccamento familiare e sullo sviluppo psicologico e fisico del neonato. Per la prevenzione e il trattamento dei disturbi affettivi perinatali è fondamentale riconoscere l’importanza del padre sin dall’inizio della gravidanza e promuovere il suo coinvolgimento nelle visite ginecologiche, nelle attività di consultorio e nell’assistenza successiva al parto. Parole chiave: Depressione Perinatale, Padri, Genitorialità


    Infanzia e Adolescenza, Vol.9(2), 2010, pp.79-92

    Documento

  • Scompenso psicosomatico e funzione adattiva della disperazione 2010
    Franco Baldoni

    Abstract:
    Lo studio della disperazione è importante per la comprensione dei processi di adattamento. Essendo una condizione psicologica in cui si abbandona ogni resistenza e si ricerca intensamente e attivamente l’aiuto dell’altro, può essere considerata una reazione difensiva primitiva e generalizzata che, in circostanze estreme, garantisce la sopravvivenza. Essa può portare a un significativo cambiamento delle proprie strategie di attaccamento favorendo l’elaborazione di esperienze traumatiche e la riorganizzazione verso modalità difensive più efficaci e protettive.


    in G. Crocetti, C. Vianello e G. Pallaoro (a cura di) Il benessere bambino, Roma, Borla, 2010, pp. 54-79.

    Documento

  • Attachment relationships and psychosomatic development of the child in families with a preterm baby. A study in DMM perspective. 2010
    Franco Baldoni

    Abstract:
    The aim of this study is to assess attachment and the role of Mother-Father-Child relationship in the family with preterm born child (< 1500 gr) from 3 months to 1 year corrected age compared with a control group of families with term-born children (> 2500 gr). 20 preterm and 20 term couples with their babies were studied (120 subjects). Mother-Child and Father-Child couples were subjected to CARE-Index and both parents to AAI, Dyadic Adjustment Scale (DAS), CES-D and STAI Y-2. The child’s psychomotor development was assessed by the Bayley Scales of Infant Development (BSID II). Attachment assessment followed the DMM criteria. Preterm mothers presented high risk interactive behaviors at CARE-Index (low scores at Dyadic Sensibility Scale, p<.002) and high anxiety (p<.01). Preterm fathers presented low scores at Dyadic Sensibility Scale (p<.004) and depressive symptoms (p<.009). In interaction, attachment forerunners suggest an insecure attachment in preterm mothers (p<.008) and fathers (p<.006) and in preterm children in the interaction with the mother (p<.05). These risk factors were correlated, in both parents, with low performance of the child at Bayley Scales (p<.04). Preterm mothers presented risk factors as difficulties with their original family and a high anxiety for the death of the child. Fathers of preterm children frequently have a negative perception of the child and uncomfortable feelings with it, stressful events in the last year and an unsatisfied perception of the hospital care. The results show in the preterm family insecure forerunners of attachment and high risk interactive behaviors with the baby. In particular, mothers and fathers with insecure attachment and psychological difficulties (unresolved losses or traumas, anxiety, depression), could influence the psychomotor development of the preterm child. These data will be useful for the organization of specific programs for prevention and treatment of psychological difficulties in the preterm child and in its family.


    2nd Biennial Conference of the International Association for the Study of Attachment (IASA) (St. John’s College, Cambridge, UK, August 29-31 2010)

    Documento

  • Disturbi affettivi e comportamento di malattia nel periodo perinatale: correlazioni tra padri e madri 2009
    Franco Baldoni, Bruno Baldaro, Mariagrazia Benassi

    Abstract:
    Following attachment theory, a main function of being a parent is to supply a “secure base”, i.e. a particular feeling of safety and trust in an attachment relationship. This necessity is also a characteristic of adult age and is evident in couple life and, in particular, during pregnancy and in the period following the birth of a child. To better understand the effects of some psychological and behavioural factors in mothers and fathers during the perinatal period, the authors studied a sample of 40 couples evaluated from the second trimester of pregnancy to the first trimester after delivery. On four occasions all the subjects were asked to fill out four questionnaires: the CES-D, the Symptom Questionnaire, the Illness Behaviour Questionnaire and a Perinatal Couple Questionnaire. Statistical analysis underlined that during pregnancy up to the puerperium fathers suffer from emotional alterations with oscillations that are correlated with the maternal suffering. The fathers whose partners have been diagnosed with an affective alteration during post-partum (maternity blues or post-partum depression) are more anxious, depressed and irritable. They tend to manifest their suffering with somatic symptoms and to worry about their health condition and paternal role. Psychological interventions in the affective troubles during pregnancy and puerperium would therefore concern not only the mother but also both parents. In at-risk situations, psychotherapeutic aid enabling depressive and anxious symptomatology, hypochondriac worry and relational or parental difficulties to be reduced can promote a more adequate attachment relationship, not only to the child, but also to the partner. Secondo la teoria dell’attaccamento una funzione principale dell’essere genitori è fornire una “base sicura”, cioè una particolare atmosfera di sicurezza e di fiducia all’interno della relazione con la figura di attaccamento. Questa necessità si manifesta anche nella vita di coppia, in particolare, durante la gravidanza e nel periodo successivo alla nascita di un figlio. Per studiare l’influenza di alcuni aspetti psicologici e comportamentali nelle madri e nei padri durante il periodo perinatale, gli autori hanno studiato un campione di 40 coppie valutate dal secondo trimestre di gravidanza al primo trimestre dopo il parto. In quattro occasioni a tutti i soggetti sono stati somministrati quattro questionari: il CES-D, il Symptom Questionnaire, l’Illness Behaviour Questionnaire e il Perinatal Couple Questionnaire. L’analisi statistica ha evidenziato che in questo periodo i padri manifestano alterazioni emotive con oscillazioni che sono correlate con la sofferenza materna. I padri le cui compagne hanno sofferto di disturbi affettivi durante il post-partum sono risultati più depressi, ansiosi e irritabili, tendono a manifestare la loro sofferenza sotto forma di sintomatologia somatica e a essere preoccupati per la propria salute e per il ruolo paterno. Gli interventi psicologici sui disturbi affettivi nel periodo perinatale dovrebbero perciò riguardare non solo la madre, ma entrambi i genitori. Nelle situazioni maggiormente a rischio, un aiuto psicoterapeutico finalizzato a ridurre la sintomatologia depressiva e ansiosa, le preoccupazioni ipocondriache e le difficoltà genitoriali può favorire una migliore relazione di attaccamento non solo nei confronti del bambino, ma anche del proprio partner.


    Child Development & Disabilities, XXXV, Saggi 3/2009, pp. 25-44

    Documento

  • La famiglia incompleta:attaccamento di coppia e crisi della genitorialità 2009
    Franco Baldoni

    Abstract:
    Il desiderio di avere un figlio e il comportamento di un essere umano quando diventa genitore, la sua disponibilità a calarsi in questo ruolo e la capacità di farlo in modo complementare al proprio compagno, non possono essere considerati esclusivamente l’espressione di un istinto e nemmeno la conseguenza di un semplice apprendimento di carattere culturale. Le ragioni di questa condizione umana sono complesse e devono essere ricercate non solo nella storia dei singoli individui (nella loro infanzia o nel rapporto con la famiglia di origine), ma anche in quella della nostra specie. La genitorialità umana si manifesta soprattutto come disposizione psicologica e non consiste solo nel desiderio di avere figli, ma anche nella capacità di crescerli in modo adeguato. Essa è in relazione con quello che un adulto è concretamente in grado di fare e non solo con i suoi modelli ideali e sociali. Essere un genitore adeguato, infatti, non richiede una particolare intelligenza o preparazione culturale. Questa capacità, inoltre, non si manifesta solamente nel rapporto con i propri figli, ma, più in generale, nella disponibilità a dedicarsi alle generazioni successive, favorendo il loro sviluppo e il loro inserimento nel mondo. Tali attitudini, infatti, non sono necessariamente una prerogativa dei genitori biologici, ma possono essere manifestate anche da coloro che non hanno potuto avere figli, oppure nei confronti di figli altrui. Funzioni genitoriali, infatti, possono essere svolte da altri componenti della famiglia (nonni, zii, fratelli maggiori) oltre che da maestri, insegnati, educatori, sacerdoti, psicologi e operatori sociali. La motivazione alla genitorialità, in un giovane adulto, si sviluppa principalmente come conseguenza di queste relazioni e dei relativi modelli di identificazione che vengono trasmessi e interiorizzati. Da questo punto di vista una coppia psicologicamente infertile è figlia di una società sterile.


    In: Crocetti G., Tavella S. (a cura di): Intimità e solitudine della coppia-famiglia. Ed. Città Aperta, Troina, 2009, pp. 103-130.

    Documento

  • Alle origini del trauma: confusione delle lingue e fallimento della funzione riflessiva 2008
    Franco Baldoni

    Abstract:
    Come tutti sanno, Freud inizialmente diede grande valore agli eventi traumatici della realtà esterna quando, negli “Studi sull’isteria” scritti assieme a Josef Breuer (Breuer, Freud, 1892-95), formulò la cosiddetta “teoria della seduzione”, in base alla quale sosteneva che i sintomi dei pazienti isterici fossero la conseguenza di abusi ed esperienze traumatiche di natura sessuale, quasi sempre sperimentati all’interno della famiglia. Successivamente questa idea fu abbandonata e in alcuni casi anche esplicitamente rifiutata. Su questo argomento Freud prese posizione non tanto negli scritti ufficiali, ma nella corrispondenza con altri analisti (Masson, 1984). Dopo la sua scelta di abbandonare la teoria della seduzione, che per certi aspetti era probabilmente troppo radicale e semplicistica, la psicoanalisi spostò il proprio interesse sullo studio delle dinamiche intrapsichiche trascurando e dimenticandosi delle caratteristiche reali degli eventi e dell’importanza dell’ambiente nello sviluppo della psiche. Per questo, anche quando negli anni successivi venne sviluppata la teoria delle relazioni oggettuali, da parte di Melanie Klein e di altri, nonostante si parli appunto di “relazioni oggettuali”, si fa riferimento a fantasie inconsce piuttosto che relazioni con individui e situazioni reali. Cercherò di mettere in relazione le idee esposte da Ferenczi con il concetto più recente di funzione riflessiva sviluppato da Peter Fonagy e Mary Target. Come vedremo, coloro che hanno sperimentato queste carenze nel rapporto con i propri genitori manifestano una specifica difficoltà a pensare a sé e agli altri in termini di stati mentali, manifestano problemi nell’espressione e nel controllo delle emozioni e risultano più vulnerabili alle esperienze traumatiche. Inoltre molti comportamenti aggressivi sono interpretabili come reazioni adattive a situazioni passate in cui sono state sperimentate profonde carenze di funzione riflessiva.


    In: Crocetti G., Zarri A. (a cura di): Gli dei della notte sulle sorgenti della vita, il trauma precoce dalla coppiamadre al bambino. Pendragon, Bologna, 2008, pp. 137-159.

    Documento

  • L’influenza dell’attaccamento sulla relazione clinica: collaborazione, collusione e fallimento riflessivo. 2008
    Franco Baldoni  

    Abstract:
    Negli ultimi anni la teoria dell’attaccamento si è rivelata un paradigma utile non solo per lo sviluppo di nuove tecniche psicoterapeutiche, ma anche per la comprensione dei processi clinici in generale. Il rapporto clinico, soprattutto nel caso di una psicoterapia, si presenta infatti frequentemente come un vero e proprio legame di attaccamento, in quanto in esso si possono manifestare le caratteristiche (ricerca di vicinanza, protesta nei confronti della separazione ed effetto base sicura) che sono ritenute specifiche di tali relazioni. Gli studi sull’attaccamento e sui modelli operativi interni permettono, inoltre, di comprendere il significato di specifici comportamenti manifestati dal clinico e dal proprio paziente quando sono sottoposti a una condizione minacciosa per la propria sicurezza psicologica o fisica.


    Maieutica, n.27-30 (Giugno 2007-Giugno 2008), pp.57-72.

    Documento

  • Modelli operativi interni e relazioni di attaccamento in preadolescenza. 2007
    Baldoni Franco

    Abstract:
    Se la valutazione dell’attaccamento nel bambino piccolo e nell’adulto avviene con una metodologia la cui validità è largamente condivisa, lo studio dell’attaccamento dall’età scolare fino all’adolescenza risulta invece notevolmente problematico. In questa fase della vita la capacità di verbalizzazione diventa molto importante, anche se non ha ancora raggiunto la complessità dell’adulto. Viene ricercata la disponibilità psicologica della figura di attaccamento, piuttosto che la sua vicinanza fisica. La relazione con i genitori diventa maggiormente simmetrica e il figlio non solo si aspetta da loro protezione e sostegno, ma diviene capace, in alcune occasioni, di fornire egli stesso aiuto alla famiglia. Nonostante i giovani di quest’età trascorrano ancora molto tempo in casa, l’autonomia dalle figure di attaccamento è maggiore e divengono sempre più importanti il rapporto con i coetanei e le esperienze sociali. Alcuni di questi nuovi legami (con amici, educatori, insegnanti, vicini di casa, allenatori sportivi) possono presentare le caratteristiche di relazioni di attaccamento. Ne consegue che il sistema dei comportamenti di attaccamento non è facilmente attivato e quindi i modelli operativi interni non sono evidenziati se non in condizioni di serio pericolo difficilmente riproducibili, anche per motivi etici, in una procedura di valutazione standardizzata. Gli strumenti di valutazione utilizzati in queste fasce di età, basati principalmente sullo studio delle risposte verbali a prove eseguite in condizioni di relativa sicurezza, rivelano quindi scarse capacità predittive e presentano problemi di validità e di attendibilità.


    In: Crocetti G., Agosta R. (a cura di): Preadolescenza. Il bambino caduto dalle fiabe. Teoria della clinica e prassi psicoterapeutica. Pendragon, Bologna, pp. 54-77 (ISBN 978-88-8342- 518-9)

    Documento

  • Attaccamento e vissuto emotivo in famiglie con neonati pretermine. 2006
    Baldoni F., Facondini E., Landini A., Piccioni A, Cardellini L., Romeo N., Alessandroni R., Faldella G., Trombini E.

    Abstract:


    Atti 12° Congresso Nazionale Società Italiana di Neonatologia (Montecatini Terme 28-31 Maggio 2006), Acta Neonatologica & Pediatrica, 20 (3), PP. 289-290.

    Documento

  • Attaccamento e disagio psichico nei pazienti con esiti di ictus e nel familiare di riferimento. 2006
    Gestieri L., Vescovelli F., Farinelli M., Leo M.R., Baldoni F., Ercolani M.

    Abstract:


    In: Delle Chiaie R., Grandi S., Sirri L. (a cura di): Abstracts III Congresso Nazionale Gruppo per la Ricerca in Psicosomatica (GRP) (Cesena 10-20 Maggio 2006), Medicina Psicosomatica, 51 Suppl, 1(2), p.43.

    Documento

  • Attaccamento e fattori di rischio psicologico in famiglie con neonati pretermine. 2006
    Baldoni F., Facondini E., Landini A., Trombini E.

    Abstract:


    Abstracts Congresso Nazionale della Sezione di Psicologia Clinica e Dinamica Dell’Associazione Italiana di Psicologia (Rovereto 15-17 Settembre 2006), MART, Rovereto-Trento, p. 61.

    Documento

  • Funzione paterna e attaccamento di coppia: l′importanza di una base sicura 2005
    Franco Baldoni

    Abstract:
    La teoria dell’attaccamento, attribuendo alle relazioni umane una funzione importante per la protezione dai pericoli e lo sviluppo di un senso di sicurezza, permette di affrontare il problema delle funzioni genitoriali in una luce diversa. Tale punto di vista, che integra la visione psicoanalitica con quella offerta da altri modelli teorici, segue una prospettiva “etologica” e considera i comportamenti genitoriali (assieme ad altri legati alla protezione dai pericoli, all’accudimento e alla sessualità) come schemi di origine biologica finalizzati alla sopravvivenza dell’individuo e della sua prole. Attraverso le esperienze individuali, particolarmente quelle della prima infanzia, questi schemi assumono caratteristiche precise e distinte in ciascun individuo per adattare al meglio le esigenze personali e quelle della specie alle singole condizioni ambientali. La teoria dell’attaccamento permette quindi di interpretare le relazioni familiari, le esperienze amorose, la vita di coppia e le funzioni genitoriali in una prospettiva nuova e complementare a quella delineata dalla psicoanalisi. Nelle pagine seguenti cercherò di definire la funzione svolta dal padre tenendo conto di questi dati.


    In: Bertozzi N., Hamon C. (a cura di): Padri & paternità. Edizioni Junior, Bergamo, 2005, pp. 79-102.

    Documento

  • Aggressività, comportamento antisociale e attaccamento 2005
    Franco Baldoni

    Abstract:
    Secondo una definizione comune l’aggressività umana implica l’intenzione di fare del male, ferire o distruggere, in realtà o in fantasia, un altro individuo. I comportamenti aggressivi sarebbero accompagnati da affetti negativi per il sé quali rabbia, paura, frustrazione, colpa. Di conseguenza un comportamento che accidentalmente arreca un danno non dovrebbe essere considerato aggressivo. Questa definizione si rivela molto limitata in quanto, ponendo l’accento sull’obiettivo intenzionale di fare del male o distruggere, semplifica eccessivamente il problema. In queste pagine si cerca di mettere in luce la funzione che svolge l’aggressività nella protezione del proprio gruppo sociale, nella difesa della prole e nelle relazioni amorose.


    In: Crocetti G., Galassi D. (a cura di): Bulli marionette. Bullismi nella cultura del disagio impossibile.Pendragon, Bologna, 2005, pp. 39-67.

    Documento

  • Attachment in adolescents who committed crimes: a study in re-educational communities. 2005
    Baldoni F., Cendali E.

    Abstract:


    In Cavanna D, Carli L., Zavattini G.C. (a cura di): Abstracts Convegno Internazionale: “Amore e attaccamento di coppia” (Genova 6-7 Maggio 2005), Morino Grafica S.C.R.L, Genova, pp. 71-74.

    Documento

  • L’Attachment Movie Test (AMT): un metodo di valutazione dell’attaccamento tramite filmati. 2005
    Baldoni Franco

    Abstract:


    Abstracts Congresso Nazionale della Sezione di Psicologia Clinica dell’Associazione Italiana di Psicologia (AIP) (Cagliari, 23-24 Settembre 2005), Nuove Grafiche Puddu, Ortecesus (CA), pp. 177-180.

    Documento

  • Attaccamento di coppia e cambiamento sociale. 2004
    Baldoni Franco

    Abstract:


    Pendragon, Bologna, pp. 95-109.

    Documento

  • Attaccamento e funzione genitoriale. 2004
    Baldoni Franco

    Abstract:


    In Arfelli Galli A., Galli G. (a cura di): Interpretazione e nascita. Atti XXIII Colloquio sull’Interpretazione (Macerata 4-5 Aprile 2003), Istituti Editoriali e Poligrafici Internazionali, Pisa-Roma, pp.109-120.

    Documento

  • Legame di attaccamento e sofferenza emotiva in adulti affetti da dermatite atopica. 2003
    Baldoni F., Matarazzo M.G., Serra T., Baldaro B., Ercolani M., Righini M.G.

    Abstract:


    Abstracts V Congresso Nazionale della Sezione di Psicologia Clinica dell’Associazione Italiana di Psicologia (AIP) (Bari, 26-27 Settembre 2003), Grafica 080, Modugno(Bari), pp. 88-91.

    Documento

  • Autenticità, emozioni e salute: un sottile filo conduttore. 2002
    Baldoni Franco

    Abstract:


    Quaderni di Psicoanalisi e Psicodramma Analitico. 1 (1-2, Giugno-Dicembre): 57-78.

    Documento

  • Affective suffering and attachment relationships in couples during pregnancy and post-partum. 2001
    Baldoni F., Baldaro B., Gentile G., Trombini E., Trombini G.

    Abstract:


    Abstracts III Congresso Europeo di Psicopatologia del Bambino e dell’Adolescente (Lisbona, 31 Maggio-3 Giugno 2001), p.14.

    Documento

  • Attachment style across generations. 2001
    Baldaro B., Rossi N., Baldoni F., Mattei C., Campagnoli A., Mazzetti M., Trombini E., Trombini G.

    Abstract:


    Abstracts III Congresso Europeo di Psicopatologia del Bambino e dell’Adolescente (Lisbona, 31 Maggio-3 Giugno 2001), p.87.

    Documento

  • Etre parents d’enfants prematures: traumatisme de la naissance et style d’attachement. 2001
    Trombini E., Monti F., Baldoni F., Fava R., Varani S., Mazzetti M., Baldaro B.

    Abstract:


    Abstracts III Congresso Europeo di Psicopatologia del Bambino e dell’Adolescente (Lisbona, 31 Maggio-3 Giugno 2001), p.88.

    Documento

  • Stile di attaccamento, personalità e disagio psicologico. 2001
    Mazzetti M., Mattei C., Trinchillo R., Brunelli S., Baldoni F., Rossi N., Trombini G., Baldaro B.

    Abstract:


    Abstracts III Congresso Nazionale della Sezione di Psicologia Clinica dell’Associazione Italiana di Psicologia (AIP) (Palermo, 28-30 Settembre 2001), Ed. Istituto Carlo Amore, Roma, pp. 226-227.

    Documento

  • Sofferenza di coppia e relazione d’attaccamento nei disturbi affettivi legati alla gravidanza ed al puerpuerio. 2000
    Baldoni F., Benassi M., Gentile G., Baldaro B., Trombini G.

    Abstract:


    Abstracts II Congresso Nazionale della Sezione di Psicologia Clinica dell’Associazione Italiana di Psicologia (AIP) (Alghero, 28-30 Settembre 2000), Carlo Delfino, Sassari, pp. 164-165.

    Documento